Febbraio al Museo

Programma delle attività didattiche

Ciao a tutti e bentrovati,
velocemente, per chi ha fretta, gli appuntamenti didattici previsti per febbraio:

Domenica 2 febbraio: Il mosaico romano
Sabato 8 febbraio: I piccoli vasai
Sabato 15 febbraio: L’affresco romano
Domenica 23 febbraio: Lo scavo archeologico
Sabato 29 febbraio: Caccia al tesoro archeologica

I posti sono pochi quindi, se interessati, prenotate subito.

A presto
Lo staff del Museo

Febbraio per gli antichi

Il mese di febbraio era per gli antichi un periodo molto particolare, denso di feste religiose. Segnava infatti il passaggio dalla stagione invernale a quella primaverile: nei campi coltivati le prime gemme erano pronte a fiorire, mentre negli ovili nascevano i primi agnelli, e i lupi, dopo il lungo inverno, si avvicinavano ai villaggi in cerca di cibo, minacciando il bestiame. Così i romani, che con i lupi avevano indubbiamente un rapporto particolare, si rivolgevano al dio Lupercus invocando la sua protezione durante le feste dette Lupercàli che si celebravano nell’omonima grotta sul colle romano del Palatino dove, secondo la leggenda, Romolo e Remo, sarebbero cresciuti allattati proprio da una lupa.

Dal 13 al 21 si celebravono invece i Parentalia, la cui istituzione fu attribuita addirittura ad Enea (Ovid., Fast., II, 543). Durante queste feste i familiari portavano sulle tombe dei propri defunti corone di fiori e offerte alimentari: sale, pane bagnato nel vino puro e violette. Si riteneva che in questo periodo i morti potessero vagare liberamente tra i vivi mangiando i cibi preparati per loro.

I Caristia erano una festa domestica che si teneva il 22 febbraio con banchetti e scambi di doni per celebrare l’amore familiare. Si cenava insieme e si offriva incenso alle divinità domestiche (Lari). In quel giorno si era tenuti a mettere da parte liti e disaccordi cercando così di ritrovare la pace familiare anche se Ovidio racconta perfidamente che i più si limitavano a non invitare i parenti più antipatici [Fasti II, 623–626, 631–632].

Non dimentichiamoci poi del povero San Valentino, vescovo e martire, decapitato alla veneranda età di 97 anni il 14 Febbraio del 273 per mano del soldato romano Furius Placidus (bel nome eh?). La condanna a morte era stata ordinata direttamente dall’imperatore Aureliano che voleva punire il santo per aver unito in matrimonio un soldato romano, Sabino, a una donna cristiana, Serapia, entrambi morti pochi istanti dopo la benedizione matrimoniale. Se volete sapere che faccia avesse il santo degli innamorati potete farlo andando a visitare la chiesa di Santa Maria in Cosmedin a Roma.

Insomma un gran bel mese, questo febbraio. Qui al Museo lo festeggiamo con i seguenti appuntamenti didattici

 

L’affresco romano

L’affresco romano

Sabato 15 febbraio – ore 10.30

Attività: realizzazione di un affresco.
Materia prima: intonaco, pigmenti naturali
Destinatari: bambini dai 6 anni in su
Durata: 2 ore circa
Numero partecipanti: min. 15 – max. 20

Il mosaico romano

Il mosaico romano

Domenica 2 febbraio – ore 10.30
Come veniva realizzato un mosaico nell’antica Roma? Di che materiale erano fatte le tessere? Come venivano tagliate e attaccate? In quali tipi di abitazioni veniva utilizzato e quali immagini vi erano rappresentate?

I primi vasai

I primi vasai

Sabato 8 febbraio – ore 10.30
Attività: realizzazione di un vasetto.
Materia prima: argilla.
Destinatari: bambini dai 5 anni in su
Durata: 2 ore circa
Numero partecipanti: min. 12 – max. 20

Informazioni generali

Modalità di prenotazione

  • compilare la form online
  • scrivere una mail a museoapr@gmail.com specificando nome/cognome del bambino, età, il periodo scelto e il numero di cellulare di almeno un genitore.
  • oppure chiamare dalle 10.30 alle 16.00 lo 062024732 (dal lunedì al venerdì)
  • oppure mandare un messaggio whatsapp al 339 178 73 83

Numero minimo partecipanti: 10
Numero massimo: 20 

Rimani aggiornato

Vuoi essere informato sulle nostre attività didattiche, le iniziative e le promozioni? Iscriviti alla nostra newsletter. Una volta al mese riceverai una mail con i vari aggiornamenti sulle nostre attività e un aneddoto o una curiosità legati alla storia di Roma.

Share This

Il sito del Museo APR utilizza i cookie.
Perché? In breve, per 3 motivi:
1. Migliorare l'esperienza di navigazione;
2. Permettere la condivisione e i like sui social media;
3. Capire come gli utenti navigano il sito in modo poi, da migliorarlo.

Se sei d'accordo clicca su "Ok, acconsento". Grazie.
Per saperne di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close